Connect with us

Editoriali

Bergamo Basket in crisi

Published

on

bergamo basket crisi

Una caduta verticale, una crisi senza limiti: un anno fa il Bergamo Basket vinceva il girone di andata della serie A2 e sognava la promozione in A, oggi è ultimo, reduce da 11 sconfitte consecutive, senza che si vedano vie di uscita.

Domenica con Scafati il BB14 ha toccato il fondo, prendendo 117 punti. L’equivalente di 8-0 nel calcio, tanto per capirci. In questo Titanic gli unici incolpevoli sono i giocatori e il tecnico Calvani. Non sono loro i colpevoli, non hanno colpa: sarebbe sbagliato mettere sul banco degli imputati i giocatori. Semplicemente perché di più non possono fare.

Questo Bergamo gioca con quattro ragazzini nati tra il 2000 e il 2001, quattro juniores, che intorno hanno quattro italiani che non hanno mai avuto un ruolo da protagonista in A2. Non si può chiedere la luna a nessuno di loro. Non sono loro a dover prendersi i fischi. Che questo gruppo con quattro juniores del 2000 e 2001 e altri italiani che hanno sempre avuto poco spazio in A2 non potesse competere nella seconda serie, era evidente a tutti. Tanto più con due stranieri esordienti a livello europeo.

Bergamo Basket si ritrova in crisi. Ma non si gioca in A2 senza i giocatori di A2. Senza due innesti sul mercato, almeno non due, se non tre, Bergamo continuerà a perdere. Insomma cronaca di un fallimento sportivo annunciato. Ma a questo punto, pensando che in estate più volte la proprietà aveva palesato l’intenzione di cedere i diritti di A2 ad un’altra piazza, ci si domanda se non fosse stato meglio rinunciare che fare questa figuraccia. Che non merita Bergamo e non meritano i tifosi.

Fabrizio Carcano

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *