Connect with us

Cultura

Morto il giornalista e scrittore Pansa

Published

on

Pansa giornalista scrittore morto

Lutto nella cultura: è morto il giornalista e scrittore Giampaolo Pansa. Piemontese, aveva 84 anni.

Se ne va una delle migliori firme del paese. Polemista, commentatore sui più importanti quotidiani italiani, Pansa ha raccontato con acume la società e la politica italiana. Ha messo alla berlina i vizi della classe dirigente e proposto un punto di vista controcorrente, in grado di stimolare il dibattito e la riflessione.

Basti pensare alle polemiche giornalistiche e storiografiche che hanno sempre accompagnato i suoi libri dedicati alla Resistenza. Su tutti “Il sangue dei vinti”, il saggio del 2003 sui crimini dei partigiani compiuti dopo il 1945 che gli è costato l’accusa di revisionismo.

Suoi numerosi scoop, per esempio sullo scandalo Lockeed. Ma anche espressioni entrate ella storia come la “Balena bianca”, cioè la Democrazia cristiana, o il “Bestiario”, titolo di una sua celeberrima rubrica.

Originario i Casale Monferrato, Pansa ha esordito alla Stampa, occupandosi tra l’altro del disastro del Vajont, per passare poi al Giorno, al Messaggero di Roma, al Corriere della Sera, Repubblica e all’Espresso con cui ha collaborato dal 1977 al 2008 quando lo abbandonò in contrasto con la linea editoriale. Da allora ha scritto per Il Riformista, Libero, Panorama e The Post Internazionale.

Una passione per gli anni del fascismo e della Resistenza, fin dalla tesi di laurea, Pansa ha firmato innumerevoli romanzi e saggi storici. Ha firmato il ciclo dei vinti, sulla guerra civile italiana dopo la Seconda guerra mondiale: “Il sangue dei vinti”, “Sconosciuto 1945”, “La Grande Bugia” e “I vinti non dimenticano”.

Nella sua attività di giornalista e scrittore, Pansa è stato provocatore fino all’ultimo. Anche nei suoi libri più recenti, come l’autoritratto intitolato “Quel fascista di Pansa” o il pamphlet su Salvini “Ritratto irriverente di un seduttore autoritario”.

Pansa è morto con accanto la sua compagna, la scrittrice Adele Grisendi. Nel 2016 aveva perso il figlio Alessandro, ex ad di Finmeccanica, morto di malattia a 55 anni. Un dolore dal quale non si era mai ripreso.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *