Connect with us

Politica

Di Maio si dimette da capo politico del M5s

Published

on

Di Maio si dimette M5s

ROMA (updated) — Luigi Di Maio si dimette da capo politico del M5s. L’annuncio ufficiale è arrivato ieri pomeriggio alle 17, durante una diretta Facebook.

Di Maio ha anticipato la decisione ai ministri del Movimento, durante una riunione del mattino.

L’annuncio è arrivato in occasione della presentazione dei cosiddetti “facilitatori” regionali, fra cui il bergamasco Dario Violi.

Fino agli Stati generali, in programma a marzo, la reggenza del M5s sarà assunta da Vito Crimi, per statuto, in quanto componente più anziano del comitato di garanzia. Nel corso della convention, che dovrebbe tenersi nel weekend tra il 13 e il 15 marzo, poi si deciderà se vi sarà una riforma della governance che introduca elementi di collegialità come alcuni chiedono, o se sarà scelto un nuovo capo politico.

“Oggi pomeriggio alle 17.00 sarò a Roma insieme a tutti i facilitatori regionali. Mi collegherò in diretta perché ho delle cose importanti di cui parlarvi. Vi aspetto. A più tardi. Forza!”, aveva scritto Di Maio su Facebook.

“Noi dobbiamo pretendere il sacrosanto diritto di essere valutati almeno alla fine dei cinque anni di legislatura. Io penso che il governo debba andare avanti, perché alla fine” della legislatura “i risultati si vedranno ma dobbiamo avere il tempo di mettere a posto il disordine fatto da chi ha governato per trent’anni prima” ha detto Di Maio nel suo intervento.

L’INTERVENTO DI DI MAIO

“Agli Stati generali – ha aggiuto – discuteremo sul cosa, subito dopo gli stati generali passeremo al chi”. “Sono consapevole che parte del Movimento è rimasta delusa e si è allontanata. Ho lavorato per far crescere il Movimento e proteggerlo dagli approfittatori e dalle trappole lungo il percorso, anche prendendo scelte dure e a volte incomprensibili. La storia ci dice che alcuni la nostra fiducia l’hanno tradita ma per uno che ci ha tradito almeno dieci quella fiducia l’hanno ripagata”.

Le dimissioni arrivano pochi giorni prima delle elezioni Regionali in Emilia Romagna e Calabria, dove il M5s corre con un proprio candidato in seguito alla decisione presa dagli iscritti di Rousseau che andava in controtendenza con quello deciso dallo stesso Di Maio.​

“Parlerà” Luigi Di Maio, “la cosa importante è restare uniti, tenere tutti uniti nel movimento, nello scegliere insieme la strada per il futuro”. Lo ha detto il ministro per lo sport, Vincenzo Spadafora, uscendo da Palazzo Chigi al termine dell’incontro tra il capo politico M5s e i ministri.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *