Connect with us

Politica

Ristoranti in crisi: Forza Italia cerca soluzioni

Published

on

Ristoranti Forza Italia

BERGAMO — Un pacchetto di misure economiche a sostegno dei ristoranti in crisi per il coronavirus: è quello su cui sta lavorando Forza Italia, anche a Bergamo.

“Forza Italia ha incontrato i rappresentanti nazionali delle categorie dei ristoratori”, spiegano i parlamentari bergamaschi Alessandra Gallone e Gregorio Fontana. “I ristoratori hanno esposto le difficoltà a tenere aperte le proprie attività a causa della crisi sanitaria ed economica in corso”.

“Le criticità emerse, si fondano su cinque punti fondamentali – continuano i parlamentari azzurri -. La prima richiesta è l’estensione della cassa integrazione oltre il 7-8 giugno. La seconda, l’indennizzo completo degli affitti. Poi, la regolamentazione unica che superi le divisioni regionali che creano incertezza e confusione. Quindi, costi fissi invariati e tassazione certa e infine, l’emanazione di un testo univoco per i controlli sanitari”.

Forza Italia presenterà un pacchetto di emendamenti, nel corso della discussione del decreto in Parlamento, “per dare risposte a una emergenza che solo a Bergamo mette a rischio centinaia di imprese e il lavoro di migliaia di addetti”, dicono Gallone e Fontana.

Forza Italia: sostegno anche alle scuole paritarie

“In Italia gli alunni delle scuole paritarie non statali sono 866.805, pari all’11% degli alunni iscritti nelle scuole statali – aggiunge Alessandra Gallone -. Consentono un risparmio allo Stato pari a circa 6 miliardi di Euro l’anno. Questi istituti sono oggi in difficoltà a causa dell’indebitamento, che rende difficile il pagamento degli stipendi di docenti e personale, dovuto alla difficoltà delle famiglie a pagare le rette”.

“Forza Italia ha già pronte le sue proposte per modificare il decreto Rilancio del Governo. Fra le quali un potenziamento delle detrazioni per il pagamento delle rette e la creazione di un fondo mirato per le famiglie in difficoltà”.

Leggi anche Fontana (Forza Italia): il decreto è inadeguato

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *