Connect with us

Sport

Atalanta, Valencia chiede intervento Uefa su Gasperini

Published

on

Atalanta Valencia Gasperini

BERGAMO — Mentre l’Atalanta prepara la prossima partita di campionato, dalla Spagna arriva la notizia che il Valencia avrebbe chiesto l’intervento della Uefa dopo un’intervista di Gasperini alla Gazzetta.

Sarà contro il Sassuolo la prima partita dei nerazzurri nella serie A risorta dall’incubo coronavirus. Il calcio per la sua complicata ripartenza ha scelto di rendere omaggio a Bergamo.

Per cui sarà Atalanta-Sassuolo, la sera di venerdì 19 giugno, a far ripartire il pallone in un “Friday night” che si annuncia speciale per la nostra città. Al Gewiss Stadium non ci saranno i tifosi. Gli spalti saranno vuot. Ma è facile prevedere che centinaia di bergamaschi saranno comunque nelle strade intorno all’impianto di viale Giulio Cesare. Per applaudire da fuori, per condividere un momento atteso per mesi, che a marzo, nell’apice della pandemia, sembrava quasi impossibile anche solo da immaginare.

Nel frattempo, secondo quanto riporta il quotidiano sportivo “Marca”, il Valencia avrebbe chiesto alla Uefa e alle autorità sanitarie italiane un intervento sull’allenatore dell’Atalanta, Gianpiero Gasperini.

Gasperini è finito nel mirino dopo che ha dichiarato in un’intervista alla “Gazzetta dello Sport” che aveva ravvisato sintomi tipici del coronavirus a ridosso della partita di Champions del 10 marzo a Valencia. Match vinto dai bergamaschi per 4-3.

Ana Barcelò, responsabile del dipartimento sanitario di Valencia, ha giudicato “poco responsabile” il comportamento di Gasperini. Il club valenciano, inoltre ha emesso una nota in cui si dichiara sorpreso dalle parole dell’allenatore dell’Atalanta.

“Va ricordato che questo incontro si è tenuto a porte chiuse – ha scritto il Valencia -. Osservando misure rigorose su indicazioni delle autorità sanitarie spagnole per prevenire il rischio di contagio. Proprio per via della presenza di persone provenienti da un’area valutata pubblicamente, già in quella data, a rischio”.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *